PROBONE news
Argomenti

Il saluto di padre Aurelio, parroco a Bozoum, in Centrafrica.

Correlati
LA STORIA DI HYPPOLITE

Esattamente un anno fa, il 21 Febbraio 2013, venimmo contattati da una Missione di frati con sede ad Arenzano ma con una Missione  a  Bozoum, in Centarafrica,

“Buongiorno Dott. Gasbarrini!

sono padre Aurelio, parroco a Bozoum, in Centrafrica, la parrocchia di Hyppolite, che state curando molto bene!

Approfitto dell'occasione per ringraziarla per la rapidità e la disponibilità ad intervenire, e per il grande lavoro fatto da lei, ma anche da tutto il personale dell'ospedale!
Purtroppo la trafila per portare un ammalato in Italia è lunga e scoraggiante, e ci sono voluti alcuni anni per poter portare Hyppolite in Italia. Ma sono molto contento che ce l’abbia fatta, e che possa avere delle cure che lo aiuteranno ad affrontare meglio la vita.

La ringrazio anche da parte della mamma di Hyppolite, Suzanne, una vedova che ha già sofferto molto, e che, come il figlio, è semplice e sorridente.

Un grazie ancora, e l'assicurazione della nostra preghiera per lei, e per tutti: medici, infermieri, personale, tutti tutti tutti!

Padre Aurelio”
Valid XHTML 1.0 Strict CSS Valido! Powered by Adon